Il filo di ‘Sofia: Capitolo 6 – Ripartiamo dall’origine

 Schermata 2016-02-08 alle 08.21.47

(@promosocialit) (@ilgeneralista)

La ricerca di senso e di significato dovrebbe rappresentare il primo e indispensabile passo per poter finalmente ricostruire la Politica, intesa nel senso alto e originario del vocabolo.

Ma che cos’è la Politica? Quale significato diamo a questa parola? Per Politica, scritta con l’iniziale maiuscola, vorremmo qui intendere – appunto – un campo “altro” rispetto a quello unico, trasversale e dominante del Potere e del Palazzo. E’ necessario, perciò, cominciare a intendere la Politica come il solo contraltare possibile al devastante e distruttivo “comune senso del Potere”.

Con “il Filo di ‘Sofia”, vorremmo parlare al cuore e alle mente, ripartire dall’origine per restituire senso alle cose, ridare significato alla parola, chiarire i concetti, liberare le idee lungo il discorso così di farne un vero e proprio metodo.

Non a caso, con l’Associazione di cultura politica “il cantiere” abbiamo voluto costituire un laboratorio di idee basato sul pensiero liberale e, allo stesso tempo, sull’intelligenza collegiale, oltre che sull’intelligenza impresci

ndibile della singola persona e del singolo individuo. Con umiltà, allora, arrivati a tale punto del discorso, proprio attraverso queste pagine, invitiamo semplicemente il lettore ad aiutarci nel rimettere al centro una più vasta ed elastica conoscenza del divenire politico. Come? Aprendo il cuore e azionando il cervello, senza preconcetti, senza illusioni, senza ideologismi, ma con l’auspicio di edificare insieme un diverso, altro, atipico meccanismo d’interazione e dialogo. Vorremmo trasmettere l’urgenza di attivare un sentire umano capace di esprimersi su piani culturali non autoreferenziali. Ci vorrebbe un nuovo Umanesimo liberale rivolto verso l’alterità e in grado di far emergere la coscienza elevando innanzitutto il pensiero e riacquistando lo spirito critico. Per elevare il pensiero, infatti, è necessario lavorare alla costruzione di idee decontaminate da eventuali pregiudizi e imprimere una fiducia che possa permettere l’incontro rispettoso con l’altro e con i saperi di ciascuno in un rapporto di reciprocità perché uno scambio continuo di saperi diversi fa crescere il sapere di ognuno.

Purtroppo, il tempo e le energie che si perdono in vecchie “querelle” inutili vanno a detrimento di una realtà già di per sé avvilente,in cui viene mortificato qualunque impegno politico più serio ed importante. Le scelte personali, di conseguenza, secondo il metodo che ciascuno adotta e adatta liberamente per sé, dovrebbero essere in grado di corrispondere ai progetti esaminati e convissuti insieme agli altri, ma non sempre questo diventa possibile in una medesima comunità quando regnano l’egoismo e il narcisismo, la cupidigia e l’affarismo, la superbia e il malaffare.

Viviamo in un tempo di sfiducia e scoramento che è comune ai contemporanei eppure si inserisce nei tempi diversi di ciascuna persona, in una visione che è complessiva e che, proprio per tale ragione, non va confusa con i punti di vista, ma andrebbe allargata verso un orizzonte esistenziale, un palpito culturale, un sogno per il domani. La ricerca di significato apre la strada alle urgenze di oggi e a quelle del futuro.

Pier Paolo Segneri e Carlo Prinzhofer

 … Continua …

——-

Capitoli precedenti

12345678910111213141516171819202122232425

25 pensieri riguardo “Il filo di ‘Sofia: Capitolo 6 – Ripartiamo dall’origine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...