Il 13 Dicembre “Crescendo”, il disco di debutto del Duo Bottasso

2bd33e2d-ccbd-4b82-80ec-f8cf71ab59e2

Un titolo diretto ed evocativo, dalla lettura plurima, per due giovani ma già apprezzati artisti che rappresentano la generazione più innovativa del folk italiano a dimensione internazionale.

I piemontesi Simone (organetto diatonico) e Nicolò Bottasso (violino) sono musicisti consapevoli, che padroneggiano profondamente la grammatica delle forme musicali tradizionali; sono sempre in divenire, non museizzano la tradizione, ma interpretano musica viva, attuale, i cui confini geografici diventano talvolta labili.

[tube]https://www.youtube.com/watch?v=ELMpLOHkQbk[/tube]
https://www.youtube.com/watch?v=ELMpLOHkQbk

Crescendo rimanda alla terminologia musicale: è uno dei simboli della variazione dinamica del disco (escursione che va dall’impercettibile soffio del mantice all’inizio di “Rose of Raby”  o dalle cicale in “Magicicada” al pieno orchestrale della title-track) incarnata, oltre che nella musica del Duo Bottasso, nella grafica stessa dell’album.

Non solo, perché Crescendo è anche la traccia robusta di uno sviluppo, rispecchia la riflessione sulla propria storia di fratelli musicisti, partiti dalla musica da ballo dell’area occitana d’Italia per inoltrarsi nei sentieri della nuova composizione e dell’improvvisazione, reinventando la tradizione musicale, piemontese ma non solo, con una combinazione tecnica e strumentale straordinaria, che si caratterizza per raffinatezza ed incisività, versatilità ed inventiva.

La coppia di strumenti popolari violino e organetto diatonico dialoga con l’elettronica, assume tratti cameristici incrociando archi e fiati d’orchestra. Musica per danzare riconsegnata al presente, che non smarrisce il suo respiro coreutico ma diventa anche musica d’ascolto confrontandosi, pariteticamente, con i linguaggi del jazz, del funk e della musica contemporanea, si ammanta di venature world: dall’Irlanda al Brasile, dalla Francia alla Scandinavia.

Il risultato sono 9 brani, poco meno di 50 minuti di scrittura dalla grande forza espressiva, dal tratto colto, ma del tutto fruibile e immediata. Materia sonora ricca di colori e sfumature, di gustosa inventiva e creatività: insomma portatrice della genialità autorale, interpretativa ed esecutiva dei due primi attori, dei loro collaboratori e degli ospiti di prestigio, tra i quali l’immenso pathos vocale di Elena Ledda, il timbro caldo e profondo del liuto cantabile del  maestro Mauro Palmas, le percussioni del brasiliano Gilson Silveira, il corno inglese di Christian Thoma, direttore dell’Orchestra Tradalp.

Simone e Nicolò Bottasso vantano già numerose esperienze concertistiche come “Printemps des Arts” (Montecarlo – 2014, 2012), “Festival Sentieri Acustici” (Pistoia – 2014, 2012), “Etetrad Festival” (Aosta – 2011), “Festival International de Luthieres et Maitres Sonneurs” (Saint Chartier – 2009). Inoltre, partecipano in veste di docenti e direttori al progetto orchestrale Folkestra&Folkoro. Con Crescendo, la musica folk italiana del terzo millennio trova due straordinari protagonisti.

Duo Bottasso
Nicolò Bottasso: violino e tromba
Simone Bottasso: organetto
info@duobottasso.com
http://www.duobottasso.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...